XVII SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO – CONFERENZA SU PIRANDELLO

(Nella foto in copertina Rino Caputo)

Servizio DI GIORGIA MONTALI E DESIRÉE RUBINI
Ieri sera 13 ottobre presso l’Istituto Italiano di Cultura di Dublino si è dato inizio alla ” XVII settimana della lingua italiana nel mondo” in cui sono stati coinvolti 83 istituti Italiani di diversi paesi. Quest’anno il tema è “L’italiano al cinema, l’italiano nel cinema”.
Prossimamente l’Istituto Italiano di Cultura di Dublino proporrà diversi eventi dedicati a questa tematica. Questa iniziativa è un modo per difendere e divulgare la cultura e la lingua italiana.
L’evento tenutosi ieri sera che continua oggi è organizzato dalla “Society for Pirandello Studies” che pone l’obiettivo di studiare le opere di Pirandello attraverso approcci e metodi diversi. Sono intervenuti all’incontro il Prof. Rino Caputo dell’ Università di Roma e il Prof. Daragh O’Connell del Dipartimento di italianistica dell’University College Cork.
O’Connell ha presentato il libro: “Pirandello e un mondo da ri-disegnare”, un volume che vuole contribuire ad allargare l’interesse della critica pirandelliana ad aspetti teorici che tengano conto del ruolo del Sud italiano nella geopolitica mondiale odierna.
Rino Caputo ha presentato la sua conferenza intitolata “La Cotidiana sete di spettacoli”, il professore ha esposto un percorso tra le opere di Pirandello analizzandone le tematiche come la psicoanalisi (La realtà del sogno) e facendo emergere professioni come insegnanti e impiegati (“Uno, Nessuno, Centomila” e “La Cariola”). Il professore ha integrato questo incontro con la visione di “Acciaio”, del 1930, diretto e scritto da Pirandello, uno dei primi film che ha rappresentato la trasformazione della città, della popolazione e della gerarchia sociale.
(Con l’occasione vi  presentiamo un breve documentario su Pirandello compilato da Concetto La Malfa, Editore di italvideonewstv.net)




 

Share This