È GUERRA CON ASTRAZENECA PER LA FORNITURA DI VACCINI ALL’UE

Dopo la bella notizia che finalmente hanno prodotto il vaccino per il coronavirus, e nel momento in cui il mondo registra un totale di 100 milioni di contagi, è ora guerra per i contratti di fornitura stipulati tra l’Unione Europea e la casa farmaceutica AstraZeneca che venerdì scorso ha annunciato un calo di oltre il 60% rispetto al programma previsto di consegne al blocco nel primo trimestre di quest’anno. L’amministratore delegato di AstraZeneca ha insistito sul fatto che il Regno Unito sarà il primo per i vaccini rifiutando le richieste di deviare le dosi all’Unione europea a seguito di un’interruzione dell’offerta.
In mezzo a una lite in crescita, Pascal Soriot, il capo francese del gigante farmaceutico, ha detto che il Regno Unito sta beneficiando per aver firmato in tempo un contratto per 100 milioni di dosi.
C’è rabbia crescente a Bruxelles e nelle capitali dell’UE. Ma la minaccia dell’UE non avrà alcun impatto sulle consegne di vaccini Covid al Regno Unito.
Quest’ultimo avrà gestito abbastanza male la pandemia ma il suo accordo con AstraZeneca è stato raggiunto a giugno, tre mesi prima di quello europeo ed insisterà di mantenere la posizione prioritaria.
A pagare le conseguenze di questa diatriba sono i cittadini degli stati membri inclusa l’Irlanda, anche se c’è da chiederci cosa vieta ai singoli stati di stipulare contratti di fornitura indipendenti presso altri fornitori di vaccini.
(Fonte The Guardian)

Share This